COME AIUTARCI

NEWS

17/11/2017

INNOVAMENTE: un ponte tra il disagio e l'inclusione scolastica

Ecco il nostro prossimo evento che si terrà sabato 17 marzo 2018 dalle ore 9:30 presso la sala Paolo Pozzo del Museo diocesano Francesco Gonzaga situato in Piazza Virgiliana 55 a Mantova
continua a leggere

PROGETTI - IL BOSCO

Il terreno di proprietà della Cooperativa Fior di Loto, sul quale si è realizzato l’impianto boschivo, é classificabile come agricolo ed incolto in quanto, nel tempo, non è stato stabilmente coltivato. Per questi motivi, sono stati destinati a BOSCO terreni per un’estensione pari a 6000 mq. Nel 2013 l'intervento di realizzazione di un’ area boschiva per il miglioramento dell’ambiente, del paesaggio e del territorio, secondo le norme tecniche del Psr 2007-2013 – Misura 223.
Vede un insieme di specie arboree ed arbustive autoctone o naturalizzate, le specie vegetali utilizzate sono:
ALBERI: frassino meridionale, farnia, noce nostrano, bagolaro, olmo campestre, ciliegio selvatico, carpino bianco, acero campestre, ciarvardello, tiglio cordato, platano, salice bianco.
ARBUSTI: nocciolo, corniolo, pallon di maggio, evonimo europeo, ginestra dei carbonai.

L’impianto ha un sesto regolare, suddiviso in due porzioni di aree differenti, a formare:
1. bosco di non elevato sviluppo e siepe perimetrale: impianto con corniolo, acero campestre, viburno, carpino, nocciolo, ciavardello ed evonimo;
2. bosco di medio-alto sviluppo: impianto con farnia, acero, ciliegio selvatico, platano, nocciolo, tiglio, olmo campestre e frassino.

Nelle due tipologie di impianto sono presenti sporadicamente: ginestra, noce nostrano, bagolaro e salice (per conferire al popolamento forestale effetti decorativi e di biodiversità).
La siepe perimetrale è posta al confine est con l’autostrada e sul lato ovest confinante con il quartiere; il nucleo di piccola estensione denominato bosco di non elevato sviluppo é posizionato nell’area immediatamente prossima al fabbricato sede della Cooperativa. Inoltre nei pressi di quest’ ultima tipologia di imboschimento si è realizzata una radura di circa 1.000 mq da destinarsi a zona di sosta e riposo.
ALBERI: n. 70 frassino meridionale, n. 70 farnia, n. 8 noce nostrano, n. 8 bagolaro, n. 70 olmo campestre, n. 70 ciliegio selvatico, n. 30 carpino bianco, n. 90 acero campestre, n. 32 ciarvardello, n. 70 tiglio cordato, n. 70 platano, n. 8 salice bianco, n. 44 ontano nero. (tot. 640)
ARBUSTI: n. 59 nocciolo, n. 32 corniolo, n. 32 pallon di maggio, n. 32 evonimo europeo, n. 5 ginestra dei carbonai. (tot. 160)
Complessivamente l’ impianto consta di 800 piante.

Ogni anno si tiene anche una festa, chiamata appunto "festa del bosco", durante la quale ci si ritrova con chi vuole dare una mano a pulire il bosco dalle erbacce, sistemare gli alberi che crescono o chiunque vogli passare un giorno in cooperativa. Quest'anno abbiamo avuto il piacere di avere lo chef Davide Larise che assiame a un suo compagno ci hanno preparato un menù vegetariano. A lato potete scorrere nella galleria alcune delle foto dell'evento e qui di seguito potete vedere la locandina dell'evento e il flyer dell'evento. .

INFORMAZIONI

Cinzia Baù - 0376 302753